La parola nelle dieci parole. Prologo

ico-HOREB

Esodo, 20:1 Allora Dio pronunziò tutte queste parole

“Allora”: in realtà l’ebraico dice soltanto “e”. All’inizio della frase, questa congiunzione, che trasforma dall’imperfetto al perfetto il senso temporale del verbo, viene spesso usata per indicare che ci si trova all’interno di una narrazione. È importante notare che l’enunciazione delle parole che seguono – e che conosciamo come “i dieci comandamenti” – avviene in un preciso momento della storia di Israele. L’evento si svolge anche in un luogo preciso. Tempo e luogo indicano l’adempimento della promessa che Dio aveva fatta a Mosè il giorno del primo incontro sul monte Oreb, quando gli apparve nel roveto ardente e gli affidò la missione di liberare Israele dalla schiavitù in Egitto. “E Dio disse: Va’, perché io sarò con te. Questo sarà il segno che sono io che ti ho mandato: quando avrai fatto uscire il popolo dall’Egitto, voi servirete Dio su questo monte” (Esodo 3:12). Queste dieci parole, che esprimono l’insegnamento base del Signore al suo popolo Israele, vengono qui pronunciate da Dio dopo che, grazie al suo stesso intervento, la missione di Mosè è stata compiuta. Il momento e il luogo in cui vengono pronunciate indicano quindi che la missione veniva proprio dall’alto dei cieli.

“Allora Dio pronunciò tutte queste parole” (vayedabber ‘Elohiym ‘eth khol-haddevariym ha’elleh le’mor   וַיְדַבֵּר אֱלֹהִים אֵת כָּל־הַדְּבָרִים הָאֵלֶּה לֵאמֹֽר) letteralmente andrebbe tradotto “e Dio parlò tutte le seguenti parole per dire”. Il verbo e il suo oggetto hanno infatti la stessa radice: daleth+beth+resh. Davar  (“parola”) è un termine che si riferisce all’azione del dire (il fatto che anche il parlare sia una forma di azione è evidente nella lingua ebraica, dove questa radice indica sia l’articolazione delle cose, sia le cose articolate: sia le parole che le cose). La parola di Dio è Dio stesso che parla e che attraverso la sua parola agisce, crea (Giovanni 1:1-3). Le dieci parole esprimono fedelmente la volontà e il pensiero di Dio e sono state pronunciate per formare noi suo popolo a immagine e somiglianza di Dio. Dio è amore (1Giovanni, 4:8 e 16) e l’argomento delle parole che Dio ha rivolto a Israele attraverso Mosè è appunto l’amore, cioè cosa fare e cosa non fare per dimostrare amore. Qui, in Esodo, innanzitutto cosa non fare. Nei successivi libri di Mosè, Dio dirà anche cosa fare.

Il grande comandamento di Dio, da cui Gesù ha detto che dipende tutta la Legge (d’accordo in questo con l’insegnamento dei farisei, cf. Matteo 22:34-40 e Luca 10:25-28), è infatti un comandamento positivo. Dice: “Ascolta, Israele: Il SIGNORE, il nostro Dio, è l’unico SIGNORE. Tu amerai dunque il SIGNORE, il tuo Dio, con tutto il cuore, con tutta l’anima tua e con tutte le tue forze”. (Deuteronomio, 6:4-5, enunciato subito dopo la seconda formulazione dei dieci comandamenti, che si trova in Deuteronomio 5:6-21). Anche quello che Gesù ha chiamato “il secondo comandamento” è un comandamento positivo: “Ama il tuo prossimo come te stesso” (Levitico 19:18). Di questo secondo comandamento Gesù ha detto che è simile al primo (Matteo 22:38) ed effettivamente è solo amando Dio con tutto il nostro cuore che possiamo imparare ad amare gli altri come noi stessi e, viceversa, solo amando gli altri come noi stessi (e cioè non considerandoli né degli dèi né degli schiavi, ma trattandoli come vorremmo essere trattati noi), possiamo imparare ad amare Dio con tutto il nostro cuore. Né possiamo dire di amare veramente Dio se non amiamo anche i suoi figli, nostri fratelli. “Se uno dice: Io amo Dio, ma odia suo fratello, è bugiardo; perché chi non ama suo fratello che ha visto, non può amare Dio che non ha visto. Questo è il comandamento che abbiamo ricevuto da lui: che chi ama Dio ami anche suo fratello” (1Giovanni, 4:19-21).

Le parole che Dio dice al suo popolo sono certamente degli ordini, ma sono innanzitutto un insegnamento. Questo è per altro il significato originario della parola ebraica Torah, che traduciamo con Legge. La Legge di Dio è un insegnamento, che ci fa sapere come comportarci con Dio e con il nostro prossimo. Le dieci parole si suddividono in due parti: le prime cinque definiscono il rapporto verticale (con Dio le prime quattro, e con i nostri genitori, la quinta), le altre cinque quello orizzontale, con il nostro prossimo, cioè i nostri fratelli (nella carne e nello spirito) e i nostri amici, le persone che ci sono vicine e che possiamo avvicinare.

Nell’esaminare più in dettaglio il senso di ciascuna di queste parole non dobbiamo dimenticare che questo insegnamento (e tutto ciò che lo segue e che lo spiega nel libro dell’Esodo e negli altri libri della Legge data attraverso Mosè) è solo la prima parte dell’insegnamento di Dio, che precisa al suo popolo quale siano le cose da non fare e le cose da fare. Sul come mettere in pratica davvero queste parole, Mosè non dà nessuna istruzione. Nei libri storici, sapienziali e profetici che compongono il resto delle Scritture ebraiche viene indicata la necessità di una profonda trasformazione. Dio conosce il nostro cuore e sa che “è ingannevole più di ogni altra cosa, e insanabilmente maligno” (Geremia, 17:9). Nei libri profetici in particolare, Dio ci mostra l’incapacità dell’uomo naturale di regnare secondo giustizia e promette che avrebbe tolto via il nostro cuore di pietra e ci avrebbe dato un nuovo cuore di carne perché potessimo finalmente adempiere la Legge insegnata da Mosè (Ezechiele, 11:19 e 36:26-27). Promette anche che avrebbe stipulato con noi un patto nuovo, non più di lettera, fatto di comandamenti esteriori, ma di spirito, comandamenti che diventeranno esigenze interiori: “Ecco, i giorni vengono, dice il SIGNORE, in cui io farò un nuovo patto con la casa d’Israele e con la casa di Giuda; non come il patto che feci con i loro padri il giorno che li presi per mano per condurli fuori dal paese d’Egitto: patto che essi violarono, sebbene io fossi loro signore, dice il SIGNORE; ma questo è il patto che farò con la casa d’Israele, dopo quei giorni, dice il SIGNORE: io metterò la mia legge nell’intimo loro, la scriverò sul loro cuore, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo” (Geremia 31:31-33). Il nuovo patto (bryit hachadashah) di cui parla Geremia 31:31, è quello che siamo abituati a chiamare Nuovo Testamento. Possiamo amare perché Dio ci ha amati per primo (1Giovanni 4:19). Perché la sua Legge potesse essere adempiuta anche nelle nostre vite, Dio stesso ha mandato la sua parola fatta carne (in ebraico carne, basar, e vangelo, besorah, hanno significativamente la stessa radice), mostrandoci tutto il suo amore nel sacrificio di Gesù.

Noi da soli non riusciamo a metter in pratica i comandamenti di Dio, ma se apriamo il cuore all’amore della verità (come ci viene indirettamente consigliato in 2Tessalonicesi 2:10), allora il comandamento dell’amore verrà compiuto in noi. L’amore della verità è anche la verità che ci ama, o meglio ancora Dio stesso che ci ama in verità. Perché abbiamo creduto all’amore di Dio (1Giovanni 4:16), i suoi comandamenti oggi, in Cristo, non sono più gravosi (1Giovanni 5:3). Quello che sul monte Oreb in Sinai è stato ordinato al popolo di Israele, oggi noi come discepoli di Gesù impariamo a desiderarlo con tutto il cuore, al punto di chiederlo in preghiera, perché Dio stesso lo faccia in noi, e attraverso di noi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...